Home Servizi Centri Diurni USL Livorno Centro Diurno “LA CASA DI ULISSE”

Centro Diurno “LA CASA DI ULISSE”

Via P.Gobetti, 16 – 57016 Vada (LI) tel: 0586788506

Il centro diurno “La casa di Ulisse” nasce nel 2001 in seguito ad un progetto presentato dal D.S.M. Provinciale e finanziato dalla Regione Toscana. Il centro ospita ragazzi con disturbi psichici gravi di età compresa tra i 15 e i 20 anni.

La realizzazione di questo centro scaturisce dalla necessità di rispondere al disagio del ragazzo e della famiglia in questa età particolarmente delicata in cui si sommano una serie di fattori che rendono di difficile gestione la situazione del ragazzo e il suo disturbo. L’uscita dall’adolescenza infatti comporta fragilità psicologica e sollecita il ragazzo e la sua famiglia alle prime scelte di inserimento sociale che possono rivelarsi disastrose frustrazioni. L’accoglienza in un centro diurno può quindi rappresentare la possibilità di realizzare progetti terapeutico-riabilitativi individuali attraverso attività di gruppo.

Il centro è una occasione terapeutica per quei giovani che sono in procinto di uscire dal percorso scolastico e non ancora in grado di inserirsi nel contesto sociale e lavorativo.

Il centro diurno permette di rafforzare le capacità comunicativo relazionali, affettive e sociali attraverso interventi individualizzati e di piccolo gruppo favorendo la valorizzazione delle risorse e delle caratteristiche di ognuno. I progetti individualizzati sono pensati insieme ai familiari che sono coinvolti nella realizzazione dei progetti stessi, sia direttamente che indirettamente. Gli incontri con i familiari hanno anche lo scopo di fornire un sostegno emotivo e una spazio di elaborazione rispetto al loro ruolo genitoriale.

Gli obiettivi generali del centro sono:

  1. offrire una risposta terapeutica riabilitativa sulla base dei bisogni e delle risorse di ciascun ragazzo attraverso interventi multipli ed integrati;
  2. sostenere le famiglie e fornire spazi di elaborazione rispetto al loro ruolo genitoriale;
  3. creare un ponte tra la scuola e il mondo del lavoro rafforzando quelle abilità pratiche e socio- relazionali necessarie per un inserimento lavorativo ed individuando tempi e specifici ambiti lavorativi possibili sulla base delle caratteristiche di ciascun ragazzo.

Gli obiettivi specifici del centro sono:

– rafforzare la capacità di prendere decisioni;

– rafforzare la capacità di assumersi responsabilità,

– rafforzare la capacità di collaborare,

– rafforzare la capacità di negoziare,

– rafforzare la capacità di rispettare le regole e i ruoli di ciascuno,

– rafforzare la capacità di “conversare”,

– favorire il processo di separazione dalla famiglia e di individuazione.

 

Gli obiettivi sopra descritti verranno perseguiti attraverso attività specifiche interne al centro:

 

* Partecipazione alle attività domestiche nella gestione quotidiana del centro;

* Stimolazione alla cura della persona e all’igiene personale;

* Utilizzo di tecnologie informatiche di attività cognitiva e a scopo ricreativo;

* Musicoterapia individuale e di gruppo;

* Riunione settimanale del gruppo degli utenti per stimolare il confronto “democratico”, la capacità decisionale, di contrattazione e di scambio di esperienze.

* Interventi psicologici con i ragazzi e con le famiglie sia individuali che di gruppo.

* Attività rivolte alla messa in scena di spettacoli teatrali (fiabe musicali).

Attività esterne:

– Attività sportive in accordo con le associazioni del territorio;

– Attività ricreative e di socializzazione nei normali luoghi di aggregazione esistenti nella comunità;

– Gite di un giorno e soggiorni vacanza;

– Attività creativo-espressive presso laboratori specifici presenti sul territorio.

Il centro è aperto dal lunedì al venerdi per otto ore giornaliere.

 

L’equipe di operatori presente nella struttura è composto da:

 

* Neuropsichiatra infantile

* Psichiatra dell’U.F.S.M.A.

* uno psicologo (coordinatore del centro);

* Personale assegnato alla struttura acquisito attraverso convenzione con la Coop Tre:

* quattro educatori professionali presenti nel numero di due per ogni turno;

* un osa;

* un esperto in musicoterapica;

* istruttore per attività sportive;

* un istruttore per attività creativo espressive.