Home Faq Legislazione

Legislazione

Sono divenuto invalido in costanza di rapporto, ho diritto a conservare il posto di lavoro?

Sono invalido al 100% e sono in possesso della patente speciale, vorrei richiedere l’indennità di accompagnamento, si potrebbero verificare delle incompatibilità? Cioè ove mi venga riconosciuta l’indennità rischio il ritiro della patente?

Sono un disabile, vorrei sapere cosa devo fare quando ci sono delle votazioni, come adesso i referendum, per essere accompagnato da mio padre.

In relazione al territorio della Regione Toscana quale disciplina regola la concessione del contributo erogato dai comuni per le spese di eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici di civile abitazione?

Sono invalido al 100% abito in un appartamento praticamente dell’A.S.L CSM, il responsabile della struttura mi ha invitato a lasciare libero il piccolo appartamento, quali sono i mie diritti con una pensione di 280 euro ed con una invalidita al 100%?

A mio papà è stata riconosciuta un’invalidita’ al 100% grave, compresa la legge 104(3 comma 3) mi sono recata nel punto ACI del mio paese per richiedere l’esenzione del bollo auto, ne è nata una discussione con la signora dell’ufficio, in quanto lei insisteva nel dire che faceva testo la data della visita medica ( 9 ottobre) mentre io insistevo nel far presente che le esenzioni partivano a decorrere dal 17 di settembre, data di presentazione della domanda, (cosa confermata peraltro anche da INPS da me contattato) la signora, era irremovibile, nonostante cio’ mi disse che comunque il bollo non lo avrei pagato (scadeva il 30 di settembre) premetto che mio papa’ è intestatario di due auto e quindi pagherebbe due bolli, oltretutto, a gennaio 2015, gli scade anche la patente e sicuramente non le verra’ rinnovata per tutte le patologie di cui soffre. Ricevo una telefonata dalla direttrice dell’ACI e mi dice che respinge la domanda, o meglio, l’accetta ma a partire dal prossimo anno. Mi domando, è fattibile una cosa del genere? Come mi devo comportare? Il mio papa’ ha diritto all’esenzione immediata oppure possono rigettarmela?

Avendo una sorella dichiarata invalida al 100% e inabile al lavoro, volevo un chiarimento riguardo al requisito di essere a carico del genitore defunto. E in particolare, quando si parla del reddito che non si deve superare, se ci si riferisce solo al reddito della persona che chiede la reversibilità, oppure al reddito complessivo de nucleo familiare, e quindi anche a quello del marito. Inoltre volevo sapere come l’INPS accerta se il genitore defunto era una fonte di sostentamento per il figlio disabile che chiede la reversibilità.

Mia madre di 84 anni è affetta da tante patologie invalidanti al punto di non avere più alcuna autonomia fisica ne lucidità mentale, poichè affetta anche da grave encefalopatia ischemica, bisognosa quindi di un’assistenza permanente, (già usufruente dell’accompagnamento), nella richiesta di Handicap legge 104/92 le è stato riconosciuto art 1 comma 1, cioè handicap non grave. E’ stato forse il fatto di avere una badante che ha precluso il riconoscimento del comma 3? Ritenete corretta la valutazione della commissione medica? E se si sapete dirmi a che cosa corrisponde l’handicap grave, se non è la condizione in cui versa mia madre?

La pensione di reversibilita’ percepita dalla vedova, in caso di suo decesso, puo’ essere trasferita sul proprio figlio invalido al 100% che però risulta a carico del suo stato di famiglia successivamente al decesso del proprio coniuge?

Mia mamma prendeva, purtroppo è deceduta, la pensione di reversibilità di mio padre piu l’accompagnamento, io vivevo con lei a suo carico, ho fatto domanda di reversibilità in quanto sono inabile e l’inps me l’ha respinta perchè dice che alla morte di mio padre non ero inabile ma è possibile?

Mio figlio unico, invalido al 60% è disoccupato, in caso di decesso mio e di mia moglie, a che quantita di pensione di reversibilità avrebbe diritto?E’ a mio carico e vive in un piccolo alloggio ricavato dal frazionamento della mia casa e concesso a lui in proprietà.